GRAND TOUR DO SUL

Il progetto Grand Tour do Sulè un percorso culturale e turistico per promuovere e valorizzare l’identità eil contesto del sud del Brasile, in particolare mettendo in evidenza le peculiarità storiche, economiche, antropologiche e linguistiche delle comunità italo-veneto-brasiliane degli stati del sud del Brasile rispetto la cultura, il turismo, le attività produttive e le relazioni internazionali.

Il nome Grand Tour do Sulrichiama la volontà e il desiderio di conoscenza dei nobili e dei viaggiatori che tra il Settecento e l’Ottocento dall’Inghilterra e da tutto il nord Europa si mettevano in cammino verso la tanto decantata e celebrata Italia. Si tratta di un viaggio nel tempo alla scoperta delle origini e dell’identità delle comunità degli stati di San Paolo, Minas Gerais, Espirito Santo, Rio Grande do Sul, Santa Catarina e del Paranà, che furono le mete principali delle grandi migrazioni tra il 1870 e il 1950 dei veneti in Brasile.

Il Brasile accoglie la più grande comunità veneta al mondo, con quasi 12 milioni di discendenti, che custodisce ancora un patrimonio veneto intellettuale, archivistico e architettonico senza eguali. Questa Rota Cultural vuole promuovere non solamente puntuali eventi istituzionali, ma soprattutto offrire attività esperienziali che possano consolidarsi nel tempo e nel territorio per stimolare lo sviluppo di una rete tra città che sia attrattiva e permetta di superare la conoscenza sommaria e stereotipata di un Brasile che inizia e termina tra gli stati di San Paolo e Rio de Janeiro.

Tale proposta diventa, quindi, un possibile volano economico e socio-culturale per far conoscere il patrimonio unico e inestimabile che ancora oggi è riconoscibile in queste regioni del sud del mondo e soprattutto nelle comunità minori, spesso mai visitate da delegazioni regionali e nazionali, che preservano in modo quasi intatto quei valori materiali e immateriali propri delle origini e identità venete che hanno attraversato il mare quasi 150 anni fa.

La proposta di questo tour culturale mira a promuovere le città più sviluppate e strutturate, ma allo stesso tempo anche le realtà minori e altrettanto singolari, che progressivamente sono state dimenticate, con la potenzialità di poterle valorizzare culturalmente a livello locale e internazionale.

L’apertura delle Vie del Grand Tour diventa un veicolo di promozione per stimolare la conoscenza della storia, della cultura e dell’identità delle comunità italo-venete e proporre un’esperienza alternativa per avvicinarsi a questo Sud del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.